Racconti per altri: Chaos

Mara Sanders aveva una sola idea in mente, definire il Caos. Purtroppo per lei non aveva idea che esistessero i dizionari, altrimenti si sarebbe risparmiata parecchi grattacapi.
Il suo primo tentativo fu di definire il concetto di Caos con parole come: ‘Sistema dinamico’, ‘Sensibilità delle coincidenze’, ‘Variazioni finite’, ma così non andava. Come definizioni erano troppo insignificanti.
Allora provò con qualcosa di più complesso: “Se un neologismo sbatte il muso contro uno scrittore a Pechino, un evento caotico giunge alle orecchie di un tizio qualsiasi a Budapest”, ma niente, ancora troppo banale.
Arrivò anche a dire che in realtà il Caos è un dio, ma la trovò subito una sciocchezza.
Passò così agli esempi pratici: “Se nelle case l’ordine è fallimentare ecco l’auto-definizione di Caos”, “Se si è caotici si partoriscono opere d’arte”, “Guardate la Natura, lei sì che è caotica”, “Il Caos è una sensazione dell’uomo”, no, no e ancora no!
Tutto quello che pensava era troppo breve, insulso, normale.
Decise che il modo migliore per dare passione al suo lavoro era quello di raccontare storie con tema il Caos:

Il Tempio delle scimmie
Tanto tempo fa esisteva un piccolo villaggio dove si trovava un tempio molto povero.
Ogni giorno un branco di scimmie andava al tempio e portava confusione nelle sue stanze e tra i fedeli. Il monaco che lo gestiva non poteva fare altro se non sistemare i danni provocati dal gruppo di scimmie dispettose.
Fu proprio una di quelle volte che trovò una mattonella staccatasi da un muro, ma provando a rimetterla a posto si rese conto che l’intera parete era falsa. Una volta guardato cosa ci fosse dietro ad essa scoprì con sorpresa una statua di Buddha fatta interamente d’oro.
Da tutte le parti del mondo conosciuto vennero fedeli per vedere la statua d’oro massiccio. Il piccolo paese si ingrandì e divenne ricco e famoso. Da allora in quel tempio le scimmie sono bene accette e libere di portare tutto il caos che vogliono.

Caos casalingo
Era un periodo che la signora Crumplebottom si svegliava e trovava tutta la casa a soqquadro.
All’inizio pensò che doveva essere sonnambula o impazzita, ma secondo i dottori la sua era una salute di ferro.
Poi, com’è ovvio, si diede ad ascoltare i consigli delle amiche che le parlavano di questi ladri moderni che secondo la televisione entravano nelle abitazioni degli anziani a rubare di notte, ma tutte le serrature di casa erano intatte.
Alla fine fece l’unica cosa sensata da fare, chiamò una medium e scoprì di avere in casa un fantasma.
Non un fantasma qualsiasi, bensì il suo defunto vicino di casa, il povero signor Pasqualotti, un disordinato compulsivo, uno che viveva nel caos più totale e se una cameriera si azzardava a riordinargli casa lui la licenziava! Ma perché poi assumesse cameriere nessuno lo capì mai.
Comunque la storia finì bene, la signora Crumplebottom accettò il nuovo coinquilino e anzi, ogni sera gli lasciava apposta la casa bene ordinata così che lui potesse divertirsi a metterla sottosopra.
A chi le chiedeva perché mai lo facesse lei rispondeva con un sorriso sulle labbra: “Un po’ di compagnia fa sempre piacere!

Caos culturale
Tutti i popoli del mondo prima o poi si sono dati una cultura propria ben organizzata, fatta di leggi certe e valori condivisi. Tutti tranne i Moanachi del Sud Oack, loro erano anarchici nel midollo.
I Moanachi pensavano che nel caos generale tutti potevano fare quello che volevano, e fosse meglio così.
Grazie a questo semplice concetto, mentre altri popoli crearono cose come la Guerra Fredda o la Guerra Lampo, loro crearono la Guerra Caos. Quando attaccavano qualcuno, ogni soldato del loro esercito faceva quello che gli pareva.
Non hanno mai vinto una battaglia, ma come dicevano spesso i loro capi: “Abbiamo perso, ma che spettacolo incredibile!

Il piccolo Jonathan e il gigante
Quello era davvero un giorno tranquillo. Ognuno era indaffarato nelle proprie faccende, e nei loro cuori solo felicità.
Ma ecco che arrivò un gigante e tutti scapparono per la paura.
Ogni cosa distrutta intorno a loro, ognuno preso dal panico.
Solo il piccolo Jonathan ebbe il coraggio di parlare al gigante: “Perché vieni a terrorizzarci? Cosa vuoi da noi?“, ma non ottenne risposta.
Allora letteralmente scalò il gigante fino ad arrivare il più vicino possibile al suo orecchio: “Perché ci porti paura e caos? Cosa ti abbiamo fatto?” urlò.
Con le dita l’uomo scacciò via la piccola formica che gli era salita sulla spalla…

Finalmente Mara Sanders si sentì soddisfatta, aveva definito il Caos come mai nessun altro aveva fatto. Dopotutto è il cervello umano il miglior esempio di Caos puro e il suo prodotto era l’unica vera definizione possibile.
Vinse un Nobel per la Letteratura e poi il dio del Caos la prese con sé, le dichiarò tutto il suo amore e la portò sul Monte Olimpo per sposarla.
“Ma questa storia non ha senso. E’ un vero caos!” disse uno dal pubblico.
“Spero che questa storia non finisca in maniera così stupida…” disse la dea della Speranza.
“Fine” disse lo scrittore.

http://www.vacuummag.com/
Cmq e Sempre Byo

Problemi con il computer

#dfbhfd* [email protected] 4hg àòlkbò nièosjajàn<bk Nbvkfbhgjv nvoaw9eur ouie8
jjnvjkfjv jdfvuhruviurnv kc– ljjfvj cioeuiui Prytu8603^? .mvbjknj -kl jbkfjkfjk nlkdfjfogireb 8 p8ua09ub09 km…

Se volete provare a tradurre,
buon per voi!
Cmq e Sempre Byo

Pubblicato in Sito | Contrassegnato con

Visioni di un futuro visionario…

Oggi ho preso la decisione di rivelarvi il mio segreto più stupefacente. Vi sto scrivendo dal futuro!
Ebbene sì, avete capito bene, in realtà sono un viaggiatore del tempo. E fidatevi, non è una bufala come quando dicevo di essere diventato donna e invece mi limitavo a mettermi la guêpière e un po’ di Chanel tra un pelo e l’altro. Questa è una notizia vera. Anzi vi dirò di più, è talmente importante che voi sappiate queste cose, che ne può andare dell’intero universo!
Nel futuro è successo, o succederà, un fatto eclatante. Un universo alternativo entrato in collisione con il nostro mondo, dopo un tamponamento intergalattico epocale, creerà uno sdoppiamento dimensionale. Come sicuramente state già pensando, questo fatto produrrà un alter ego malvagio di ognuno di noi.
La terribile conseguenza è che per ogni dove e in ogni quando ci si incazza parecchio con se stessi, e qualcuno è anche arrivato a farsela pagare ricorrendo al suicidio assistito da se stessi. Non vi dico il caos che si crea in famiglia, figli doppiamente più richiedenti paghette, figlie doppiamente più tampinate da ragazzi arrapati, mogli con i turni per le zozzerie notturne tra coniugi. Un casino che non vi dico! Anche perché io personalmente non ho né moglie né figli e quindi di queste cose non me ne intendo proprio…
Il mio problema è un altro, il mio clone malvagio conosce a memoria il codice del mio conto corrente e delle mie carte di credito, ha la mia stessa firma per gli assegni, insomma si può proprio dire che mi sono ridotto sul lastrico a furia di rubarmi i soldi!
L’altro giorno il fattaccio dei cloni s’è pure aggravato, adesso sembra che comincino anche ad arrivare gli animali domestici cloni malvagi. Quindi il doppio della cacca da spalare dai marciapiedi!
Salvatevi voi che potete, basta fare un controllino ai freni delle galassie.

Saluti da un domani a scelta,
Cmq e Sempre Byo